Albert M. Porreca


1935 – 2008





Le Condoglianze

(in alphabetical order)

(in ordine alfabetico)


From Pierangela Badia:

It is a long time since our last newsletter, suspended for some months for reasons it is not important to mention now.

With all the visitors of the web sites I look after and whom I thank for taking the time to subscribe to this newsletter, I want to share the feelings and memories I have of my dear special friend Albert Porreca - maybe more like a brother to me - the most perfect example I have ever met of that mix of strength and gentleness that a writer described as the peculiar trait of Abruzzese people, joined in Albert to humor, a handsome personality and a vivid intelligence.

Back in 1997 I started one of the first web sites on Abruzzo,, expression of the association Abruzzo World Club. Among the first subscribers was Albert. A year later he came to see the town of Torricella Peligna in the province of Chieti, taking a detour after work engagements in Germany.

It was the depth of January, but the week Albert was in Abruzzo the rain and snow stopped for him, and there was a beautiful sun and warm temperatures. The day after his flight back home, all the hell of winter came down from the sky, freezing temperatures, high snow, icy roads. For this and for other strange circumstances I nicknamed him Fortunato - Lucky Albert. When he was in his Torricella for the first time, he met a clerk at the comune who had lived in Canada for long years - who like everyone Al met became a lifelong friend - and that night he phoned to me from Marziale's house - needless to say Al was received like an old friend at their table. Marziale was instrumental some years later, after much research, to find his living aunt, the wife of Albert's grandfather's youngest brother, who had died young in the 1936 war, and relatives in Pescara.

During that visit back in January 1999 he came to see me and was a welcome guest at my table, with my husband preparing his special carbonara in his honor. All the time he took notes in a kind of shorthand on a little notebook "so as not to forget all the special moments". And it is the special moments I was fortunate to share with Albert that I have written down in my memory. The next morning I took him on a visit to the Museum in L'Aquila, and we met a teacher and class of my school visiting too. Of course he made friends with them all - with that special graciousness that only true royalty in ancient Europe had, as a knight of the round table pure at heart - and showed a great fondness for a girl with the Down syndrome telling me aside "they die so young - I have a feeling for her parents in my heart". There was so much room in his heart, for everyone.

I like to remember another funny moment years later, when he was driving a rental car and taking other fellow travelers to visit Colledimacine and Torricella, passing through the mountains of Abruzzo. He got lost in Sulmona, and after much driving and no way out of the town, he saw the light: a Carabinieri premises. So he drove into the courtyard to ask for directions, unaware it was military territory. The gates closed and they feared they would be arrested. The Carabinieri of course were amused and conquered as everyone and escorted Albert's car out of town. I laughed so much that my eyes filled with tears, for different reasons from these days. I have always felt strange that joy and sorrow both cause tears, and I realize now that there is sorrow because there was joy and they are connected, the loss is the greater because what we had was so great. And the tears are for us all, for what we have lost, and for those whose loss was the greatest.

On another occasion we ate a great lasagna and he said "this is good, but you know, no one makes a lasagna like my Lee". Since I read Albert daughter's Michelle intense words "we had to say good-bye to my dad yesterday", Lee, the beautiful, ironical and smiling lady I had the pleasure to meet, has always been in my mind, as well as his daughter who set up a blog to share this journey with all those who love her father (not loved, everybody will always love him). But somehow I trust Albert is there around his family giving strength. They say behind a great man there is always a great woman, and Lee is a great woman - though I feel she must be somewhat angry to say the least at Al and will not forgive him for having gone before her.

All these years I had the joy to meet Albert many times, and we shared work on our web sites, he edited my English translations of the whole John Fante section, and was a frequent visitor of my old guestbook and later the forums, helping people on all sort of questions with that special fatherly trait that I think grew on him. When I needed advice I emailed him and in a matter of hours he was there, professional, friendly, with joking irony.

The loss cannot be expressed in words. Of course there is so much he was doing when pancreatitis suddenly blocked him in a hospital bed. And so much still to do. I remember what Al said about his mother in law, who passed away at over 90 "somehow she wanted to go". Albert had not chosen to go, maybe he thought all these months in hospital of the things he still had to do, but through that special (special as everything in Albert) - special feeling that connected us I know he realized that he was being called. And he was there, as always. His heart was aching all the time for his dear Lee and daughter Michelle - Albert was so proud of her and of his son in law who played great Italian football - and his boys and brothers.  But he had to go. The family, the friends, had finally to let him go.

Michelle, in true Albert style, set up a blog when the disease started. Her last post before 15 September was a quotation from Albert Schweitzer "At times our own light goes out and is rekindled by a spark from another person ... Each of us has cause to think with deep gratitude of those who have lighted the flame within us." I now know that Albert was taking the flight to the House of his Father, while I was reading Michelle's post on the afternoon (in Italy) of Sept 15, my birthday. I had to move since we were having dinner out and there were things to do, but some strong urge inside me kept me there on my keyboard and I had to write the last post, before the one post Michelle "was hoping not to have to write" and everybody not to have to read and I actually wrote my goodbye and wishes on his new journey.

"Congratulations on you for what you achieved so far and for having such a wonderful, wonderful family and so many friends around you. After all we called you Fortunato back in January 1999...Un grandissimo in bocca al lupo!" I like to think that Albert wanted to leave me a message on my birthday as a gift, and I have elaborated this message as "slow down, live the moments, put things in order in your drawers and your days". 

Albert has been a torchbearer who went a long way, starting and completing great projects. Those he could not finish are there for his children and family, Lee who has to fill Albert's place too for the children and all the beautiful grandchildren of the present and the future. For Dan Aspromonte, co-founder of the Torricella website and all those who worked with him, the friends in Torricella and on the golf club. I see as his greatest achievement this communion of voices from all over the world that does not heal the wound, but makes what we had from him so more precious. A piece of my heart is bleeding, I cannot email Albert any more, I still have his mobile phone number in my cell phone memory, but I know that aching wound in my heart will fill with the moments and words and work shared, and I know he will be a good friend of my soul forever, until my flight is called too. Farewell good friend and enjoy yourself on your new green golf fields!

Pierangela Badia - one among Albert’s so many friends

Da Pierangela Badia:

 E' passato molto tempo dalla nostra ultima newsletter, per ragioni che non è importante menzionare in questo momento.

 Con tutti i visitatori dei siti a cui collaboro, visitatori che si sono iscritti alla newsletter, vorrei condividere le sensazioni ed i ricordi che ho del mio speciale amico Albert Porreca - forse più un fratello che un amico per me - l'esempio più bello che ho mai incontrato di quel mix di forza e gentilezza che uno scrittore descrisse come tratto caratteristico della gente abruzzese, che in Albert si accompagnava all'ironia, un carattere affascinante ed una vivida intelligenza.

 Nel lontano 1997 fondai uno dei primi siti web sull'Abruzzo,, espressione dell'associazione Abruzzo World Club. Tra i primi soci ci fu Albert. Un anno dopo venne a visitare la cittadina di Torricella Peligna in provincia di Chieti, facendo una deviazione dopo degli impegni di lavoro in Germania (Albert parlava anche tedesco).

Era la metà di gennaio, ma la settimana che Albert fu in Abruzzo pioggia e neve cessarono di cadere per lui, ed avemmo belle giornate di sole e temperature miti. Il giorno dopo il suo volo di ritorno, si scatenò l'inverno con temperature sotto lo zero, neve alta, strade ghiacciate. Per questo e per altre strane circostanze lo soprannominai Fortunato - Lucky Albert. Mentre si trovava nella sua Torricella per la prima volta, incontrò un dipendente del comune che era vissuto a lungo in Canada - e che come chiunque Al incontrasse divenne un amico per la vita - e quella sera mi telefonò dalla casa di Marziale - non c'è bisogno di dire che era stato accolto come un vecchio amico alla loro mensa. Il nuovo amico fu colui che dopo anni di ricerche trovò una sua zia vivente, moglie del più giovane tra i figli del nonno, il quale era scomparso nel fiore degli anni nella guerra del 1936, e altri parenti in Pescara.

Durante quella visita nel gennaio 1999 venne a trovarmi e fu gradito ospite alla mia tavola, con mio marito che preparò la sua speciale carbonara in suo onore. Per tutto il tempo della visita Albert scriveva in una specie di stenografia su un libricino "per non dimenticare tutti i momenti speciali". E sono proprio i momenti speciali che ho avuto la fortuna di condividere con Albert che ho scritto nella mia memoria. La mattina dopo lo accompagnai a visitare il Museo dell'Aquila, e lì incontrammo un insegnante della mia scuola in visita con un gruppo di studenti. Naturalmente fece amicizia con tutti -  conosceva solo due o tre parole d'italiano - con quell'eleganza speciale che solo i regnanti dell'antica Europa avevano, come un cavaliere della tavola rotonda puro di cuore - e mostrò grande affetto ad una ragazzina Down dicendomi da parte "se ne vanno così giovani - ho un posto per i suoi genitori nel mio cuore". C'era tanto posto nel suo cuore, per tutti.

 Mi piace ricordare un altro momento divertente nel corso degli anni successivi; Albert guidava un'auto noleggiata e si recava con altri compagni di viaggio a visitare Colledimacine e Torricella, passando per le montagne dell'Abruzzo interno. Si perse a Sulmona, e dopo aver girato in tondo a lungo senza riuscire ad uscire dalla città, vide la luce: la centrale dei Carabinieri. Così entrò nel cortile per chiedere indicazioni, senza sapere di trovarsi in territorio militare. Il cancello si chiuse e pensarono che sarebbero stati arrestati. I Carabinieri naturalmente, divertiti e conquistati come chiunque, scortarono l'auto di Albert fuori della città. Io risi tanto al sentire il loro racconto che gli occhi mi si riempirono di lacrime, per ragioni diverse da questi giorni. Ho sempre trovato strano che sia gioia che dolore si esprimano con le lacrime, e capisco ora che c'è dolore perché c'è stata la gioia e che sono collegati, la perdita è tanto maggiore quanto più grande è stato ciò che avevamo. E le lacrime sono per noi tutti, per quello che abbiamo perso, e per coloro la cui perdita è stata più grande.

 In un'altra occasione mangiavamo della superba lasagna e lui disse "Ë buonissima, ma sai una cosa, nessuno fa la lasagna come la mia Lee". Da quando ho letto le parole intense della figlia di Albert, Michelle, "abbiamo dovuto salutare papà ieri", Lee, la bella, ironica, sorridente signora che ho avuto il piacere di incontrare, è sempre nei miei pensieri, come la figlia che ha messo su un blog per condividere questo viaggio con tutti quelli che volevano bene al padre; nello stesso tempo sono sicura che Albert è lì attorno ai suoi cari a trasmettere forza. Dicono che dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna, e Lee è una grande donna, anche se temo sia un po' arrabbiata con Al e non l'abbia perdonato per essersene andato prima di lei.

Per tutti questi anni ho avuto la gioia di incontrare Albert molte volte, e abbiamo collaborato sui nostri siti, lui ha revisionato le mie traduzioni di tutta la sezione dedicata a John Fante, ed è stato frequente visitatore del vecchio guestbook e dei  forum, fornendo aiuto su ogni genere di domande dei visitatori con quello speciale atteggiamento paterno che gli era cresciuto addosso. Quando mi serviva un consiglio, mandavo un'email e nel giro di poche ore lui era lì, professionale, affettuoso, con la sua scherzosa ironia.

La perdita non può essere espressa in parole. Naturalmente c'è tanto che stava facendo quando la pancreatite all'improvviso l'ha costretto in un letto d'ospedale. E tanto ancora da fare. Ricordo ciò che Al mi disse di sua suocera, morta ben oltre i 90 "Ë come se volesse andare via". Albert non ha scelto di andare, forse tutti questi mesi in ospedale pensava a tutte le cose che doveva ancora fare, ma attraverso quel sentimento speciale (speciale come ogni cosa in Albert) - che ci univa so che ha capito che era stato chiamato. E lui c'era, come sempre. Il suo cuore piangeva tutto il tempo per l'amata Lee e la figlia Michelle - Albert era così orgoglioso di lei e del genero, grande allenatore di calcio - e dei figli e fratelli. Ma doveva andare. Loro, e noi, dovevamo lasciarlo andare.

Michelle, in perfetto stile Albertiano, aveva fondato il blog all'inizio della malattia. Il suo ultimo messaggio prima del 15 settembre riportava le parole di Albert Schweitzer "A volte la nostra luce si smorza ma poi la fiamma viene ravvivata da un altro essere umano. Ciascuno di noi è debitore dei più profondi ringraziamenti a coloro che hanno riacceso questa luce."  So adesso che Albert stava salendo sul volo verso la Casa del Padre, mentre io leggevo il post di Michelle nel pomeriggio (in Italia) del 15 settembre, giorno del mio compleanno. Negli anni futuri tutti i miei compleanni includeranno sempre una celebrazione di Albert. Dovevo andare perché avevo una cena fuori e dovevo fare delle spese, ma una forza dentro di me mi teneva alla tastiera, pensavo ad Albert ed uscendo dalla mia solita tana - non mi piace salire alla ribalta  - sentivo che dovevo scrivere qualcosa sul suo blog, e il mio post fu l'ultimo prima di quello che Michelle "aveva sperato di non dover mai scrivere" e tutti di non dover mai leggere, e di fatto scrissi il mio arrivederci e gli feci gli auguri per il nuovo viaggio, terminando il mio post con parole che oggi assumono maggiore significato.

"Congratulazioni a te per tutto ciò che hai fatto finora e per avere una famiglia tanto meravigliosa e tanti amici intorno. Dopo tutto ti avevamo chiamato Fortunato nel gennaio 1999... Un grandissimo in bocca al lupo!" Mi piace pensare che Albert abbia voluto lasciarmi un messaggio come regalo di compleanno, ed ho elaborato questo messaggio come  "prendi una pausa, vivi i momenti, metti ordine nei tuoi cassetti e nelle tue giornate".

Albert ha portato il testimone ed ha percorso un lungo tratto di strada, iniziando e portando a termine tanti progetti. Quelli che non ha potuto completare restano affidati ai figli e alla famiglia, a Lee che dovrà prendere anche il suo posto per i figli ed i bellissimi nipoti che ci sono e che verranno. A Dan Aspromonte, cofondatore del sito di Torricella e tutti coloro che vi collaborano, agli amici di Torricella e del circolo del golf. Mi sembra che il più grande successo di Al sia stata questa bella comunione di voci da tutto il mondo; anche se questo non guarisce la ferita, rende ciò che abbiamo avuto da lui tanto più prezioso. Un pezzo del mio cuore sta sanguinando, non posso più mandare un'email ad Albert, ma so che la ferita che oggi fa male si riempirà dei momenti e delle parole e del lavoro condivisi, e so che Albert sarà sempre un grande amico della mia anima, finché non verrà chiamato anche il mio volo. Addio carissimo amico e divertiti sui tuoi nuovi campi da golf!


Pierangela Badia, una tra i tanti amici di Al Porreca.


left to right / da sinistra a destra: Al Porreca, Lamberto Badia, Pierangela Badia, Leonardo (marito di Pierangela), Lee Porreca, davanti i due figli più piccoli di Leonardo e Piera, in una pizzeria di L'Aquila, marzo 2000?



From Loredana Croce:

I only got a chance to read the news about Al this morning.  I’m painfully shocked.  It is a moment of grave sorrow for all of us.

It might give comfort to the family of dear Al to know that there are friends in far away places that feel very close with their hearts – friends that that have built a very sincere and loving friendship with Al, that appreciate his humanity and what he has done for our and HIS Torricella.

I am left with fresh, fond memories of our times together last summer in Torricella and our long, amiable chats. 

I send a comforting hug to all of Al’s family.

Loredana Croce

Da Loredana Croce:

Leggo solo questa mattina della notizia di Al.  Sono dolorosamente stupita.  E’ un grave lutto per tutti.

Forse alla famiglia del caro Al potrà essere di qualche conforto sapere che ci sono degli amici lontani, ma molto vicini col cuore,  che hanno nutrito per lui una sincera, affettuosa amicizia e che hanno apprezzato le sue ricche doti umane e quanto ha fatto per la SUA e la nostra Torricella.  

Mi resta un ricordo fresco e piacevolissimo della scorsa estate a Torricella e delle nostre lunghe, amabili chiacchierate.     

A tutta la famiglia di Al un abbraccio sincero.

Loredana Croce

From Pietro Di Cino:

When a persona leaves us, when they are no longer here and we can no longer touch them or hear their voice, it seems they have disappeared forever.  Yet, sincere affection never dies.  The memory of someone dear to us remains forever in our hearts – stronger than any hug and more important than any word.

Pietro Di Cino

Da Pietro Di Cino:

Quando una persona ci lascia, quando non è più qui e non possiamo più toccarla, o sentire la sua voce sembra scomparsa per sempre. Ma un affetto sincero non morirà mai. Il ricordo delle persone che ci sono state care vivrà per sempre nei nostri cuori: più forte di qualsiasi abbraccio, più importante di qualsiasi parola.

Pietro Di Cino


From Mario Di Fabrizio di peppaune (“Freccianera”):

I just returned from work, and I read about Al’s passing.  I flashed back to the summer of last year with Al and Lee happy and carefree in Torricella.  Emotion tears at my heart.  I know I have lost a friend, and I think about the grief his family feels.  A great man always leaves a trace of his presence in this world, and you, Al, have certainly done so.  You will always remain in our memories, in our hearts and in our efforts to keep your hopes, desires and love for Torricella going.   

“Freccianera” – Mario Di Fabrizio di peppaune

Da Mario Di Fabrizio di peppaune (“Freccianera”):

Sono rientrato adesso dal lavoro ed ho letto della scomparsa di Al.  Per un attimo mi sono tornate in mente le immagini dell'estate scorsa, quando ho visto Al e Lee felici e sereni a Torricella.  La commozione mi stringe il cuore.  So di aver perso un amico e penso alla dolore dei familiari. Un grande uomo lascia sempre una traccia della sua presenza sulla terra e tu Al lo hai fatto; sarai sempre nei nostri ricordi, nei nostri cuori e nell'impegno che noi mettermo per portare avanti le tue idee, i tuoi desideri, il tuo amore per Torricella.

“Freccianera” – Mario Di Fabrizio di peppaune



left to right / da sinistra a destra:

Mario Di Fabrizio, Lee Porreca, Paola Di Biase, Al Porreca



From Nadia Di Fabrizio:

I just read the terrible news.  I did not know him personally, but I am very saddened nonetheless after reading messages left on the Yahoo Group by those who knew him.  I know we have certainly lost someone very important.  I extend my condolences to the family.  I am sure he will remain one of many great “friends of Torricella”,  perhaps viewing us with love…….from up in the heavens………with a lump in my throat, I send my regards to all.

Nadia Di Fabrizio

Da Nadia Di Fabrizio:

Ho letto ora la brutta notizia ....... io non conoscevo la persona ma mi sento comunque molto triste perché leggevo i messaggi di chi lo conosceva e sono sicura che abbiamo perso un personaggio molto importante.  Faccio le mie condoglianze alla famiglia.  Sono sicura che resterà sempre a far parte dei grandi amici di Torricella, magari guardandoci con amore........da su.......  con un nodo alla gola, saluto tutti voi.

Nadia Di Fabrizio

From Giuseppe Di Marino:

I met Albert Porreca last year in Torricella with his very congenial wife.  We spent some short, but memorable, moments together.  I remember his and his wife’s kindness and serenity.  He and I had a lot of fun speaking butchered English together (that is, butchered from my end) and Italian mixed with dialect; in a very hilarious and amusing way, we managed to relate to each other.  I am so sorry that he is no longer with us.  He was on a journey in search of his roots, and I believe no one can stray from their roots, even when faraway.  Thank you Al for helping us keep this in mind. 

Farewell.  I send my sincerest condolences to Al’s wife, daughter and sons. 

Giuseppe Di Marino

Da Giuseppe Di Marino:

Ho conosciuto Albert Porreca l'anno passato a Torricella. Era con la moglie, simpaticissima, e abbiamo trascorso pochi ma bei momenti insieme. Lo ricordo per la sua estrema disponibilità e direi serenità, in perfetto accordo con la moglie. Con lui ci siamo divertiti molto a parlare un inglese improprio (da parte mia) e un italiano misto a dialetto che ci permetteva, comunque, di rapportarci sempre con molta ilarità e divertimento. Mi dispiace molto della sua scomparsa, perché aveva riscoperto la voglia delle radici da cui l'uomo, penso non può allontanarsi mai, anche quando è molto lontano. Grazie Al di averci ricordato questo.

Addio. Voglio fare le mie più sentite condoglianze alla moglie ed ai figli.

Giuseppe Di Marino


From Ada Ficca:

Though I knew Al was suffering from a very serious illness, I have a hard time believing he is no longer with us, maybe because I could never imagine him ill.  Whenever I think of Al, the handsome, smiling and cheerful man I met last summer comes to mind.  I met him last summer for the first time, but it seems like I have known him forever.

Al created something that will keep him always within our midst, something that can never be erased; we thank and cherish him for what he has done. 

Dan, please give a big hug to Lee and the entire family, and tell them I’m feel very close to them in this moment of grief. 

A big hug,

Ada Ficca

Da Ada Ficca:

Non riesco neppure a pensare che Al non c'è più, forse perché, pur conoscendo la gravità della sua malattia, non sono mai riuscita nella mia mente a vederlo malato; quando pensavo a lui mi tornava in mente la sua bella figura sorridente e solare dell'estate scorsa.  L'ho conosciuto solo l'anno scorso eppure mi sembra di averlo conosciuto da sempre.

Lui però ha creato qualcosa che lo farà stare presente sempre in mezzo a noi, qualcosa che non potrà mai essere cancellata e noi lo ringraziamo e gli vogliamo bene anche per questo.

Dan, ti prego di abbracciare per me Lee e tutta la famiglia e di dir loro che mi sento loro vicina in questo momento così doloroso.

Un abbraccio

Ada Ficca

From Edoardo Gentile:

My memory of Al - it is the memory of a serene, gentle, loving man.  We had many long conversations last summer, and we spent some wonderful times together.  He told me the story of his life, his family and how over the years he had a growing desire to discover his roots.  After a period of discouragement and failed attempts, he arrived in Torricella – the fulfillment of his dreams.  This summer I was supposed to visit him in New Jersey, but since he was so ill, I decided not disturb the family that was very occupied being by his side. 

The memory I want to keep is of him strolling around on the Corso (main street), smiling and satisfied because after years of research he could finally breathe the air of his ancestors, view the Maiella Massif, and more than anything, get to know Torricellans, his people.  Farewell, Al…..we’ll miss you!  A big hug to your wonderful family.

Your friend,

Edoardo Gentile


Da Edoardo Gentile:

Il mio ricordo di Al...è il ricordo di un persona serena, leggera, amorevole...Abbiamo parlato molto la scorsa estate e condiviso bei momenti...Mi ha raccontato della sua vita, della sua famiglia e di come negli anni è cresciuto il suo desiderio per la riscoperta delle radici...Dopo un primo periodo di scoramento e di tentativi andati a vuoto era  giunto a Torricella...un coronamento per la sua esistenza. Quest'estate avrei dovuto visitarlo nel New a causa delle sue condizioni ho preferito non disturbare la famiglia che era molto impegnata nell'assistenza...

Comunque mi piace ricordarlo in giro per il corso, sorridente ed appagato perché dopo anni di ricerca poteva finalmente respirare l'aria dei suoi avi, vedere la Maiella e soprattutto conoscere i torricellani (la sua gente)... Ciao mancherai! Un forte abbraccio alla sua bella famiglia.

Il tuo amico,

Edoardo Gentile



From Alessandro Melograna:

I extend my heartfelt condolences.  I am Albert’s relative in that I am the grandson of Italia (Italina) Croce, the wife of Mariano Porreca, who died during the 1936 Spanish Civil War. 

Alessandro Melograna e famiglia

Da Alessandro Melograna:

Le più sentite condoglianze per la morte di Albert Porreca.
Io sono il nipote di Italia (Italina) Croce moglie di Mariano Porreca morto durante la Guerra di Spagna (1936) e parente di Albert.

Alessandro Melograna e famiglia



left to right / da sinistra a destra:

Italina Croce, Al Porreca

From Andrea e Antonella Melograna:

Andrea and Antonella Melograna, grandson and granddaughter of Italina and Mariano Porreca (Al’s grandfather’s youngest brother), send their sincerest condolences to the family of Albert.  Caro Dan, thank you for putting the photo of our grandmother with Albert online.  We were incredibly moved.  We are sure those two will have a lot to talk about……….up there in the heavens!!!

Andrea e Antonella Melograna

Da Andrea e Antonella Melograna:

Andrea ed Antonella Melograna, nipoti di Italina e Mariano Porreca (il fratello più giovane del nonno di Al), porgono alla famiglia di Albert le più sentite condoglianze. Caro Dan grazie per aver messo online la foto di Albert insieme a nostra nonna. E' stata un'emozione incredibile. Chissà quante cose avranno da raccontarsi........ lassù!!!

Andrea e Antonella Melograna

From Tonino Monte:

Dear friends,

I learned only today that Albert Porreca had passed away.  I met Albert the summer of last year during the Torricellan in the World award ceremony.  Never has an award been conferred on a person more worthy.  I join his family members in mourning.  I will remember him as a man of culture, kindness and congeniality, together with a gracious smile.  This has certainly been a great loss for all of us who are friends of Torricella.  

With embraces of comfort to all,

Tonino Monte

Da Tonino Monte:

Cari amici,

Ho appreso solo oggi la scomparsa di Albert Porreca. Ho conosciuto Albert l'estate scorsa in occasione della premiazione della prima edizione del torricellano nel mondo. Mai un premio, credo sia stato consegnato a persona più degna. Mi unisco al cordoglio dei suoi familiari. Voglio ricordarlo sempre come persona colta, disponibile, simpatica e con il suo sorriso dolce. Per noi tutti amici di Torricella è stata sicuramente una grande perdita.

Vi abbraccio,

Tonino Monte

From Antonio Piccoli di maone:

This morning I opened up my emails and discovered Dan’s message.  It is hard to express the great sadness I have felt since then.

Al has left us.  I still find it hard to believe.  We all knew he was ill, and that the illness he had was terrible, but it never crossed my mind that he might die. I was sure he would make it.

Over the few years we knew each other and in the few times we met in Torricella, a bond of brotherhood had been built, even if he spoke little Italian and I spoke little English.

I extend a hug to his wife Lee, to his sons, to his daughter, to Dan and Angela, and to his relatives.  I share with all of them this moment of grief.

Without Albert’s passion, kindness, and love for Torricella, the website would not have been created.  Torricellans strewn the world over would not have found each other.  There would not have been this desire to come together and share, and the Torricella Yahoo Group would not have been created.  Al probably even deserves credit for some of the new vigor now present in Torricella.  It is for all of these reasons that he was given the “Torricellan in the World” award.

Thank you, Al. I am happy to have travelled a share of the road with you.

May your soul rest in peace.


Antonio Piccoli di maone

Da Antonio Piccoli di maone:

E' difficile trovare le parole per esprimere la grande tristezza che
provo da questa mattina quando ho aperto la posta ed ho trovato il
messaggio di Dan.

Al se n'è andato. Non ci posso ancora credere.
Sapevamo che stava male e che la malattia che aveva era terribile,  
ma mai mi era passato in mente che potesse morire. Ero sicuro che ce l'avrebbe fatta.

In questi pochi anni che l'ho conosciuto e in quelle poche volte che
l'ho visto a Torricella, anche se lui capiva poco l'italiano ed io
poco l'inglese, era entrato fra di noi un legame molto fraterno.

Vorrei tanto abbracciare la moglie Lee ed i figli,  e poi Dan e
Angela,  i parenti, per dirgli che un pò del dolore che sentono loro
è anche mio.

Senza Albert , con la sua passione, la sua bontà ed il suo amore per
Torricella  non sarebbe nato il sito, tanti torricellani sparsi per
il  mondo non si sarebbero ritrovati, non ci sarebbe stato questo
desiderio di collaborazione , non sarebbe nato il forum  e forse un
po' della nuova linfa che pervade oggi Torricella è merito suo e
Torricella lo ha capito e lo ha eletto Torricellano nel Mondo.

Grazie Al. Sono contento di aver fatto un tratto di strada insieme a te.

Che la tua anima riposi in pace.


Antonio Piccoli di maone


April 10, 2004 / 10 aprile, 2004

left to right / da sinistra a destra:

Al Porreca, Antonio Piccoli, Dan Aspromonte, Amira (Fiorella) Aspromonte


From the Proloco of Torricella Peligna:

The entire Proloco of Torricella extends sincerest condolences to the family of Al Porreca, thanking Al for the great website work he did in honor of his ancestral town.  We will always remember how important this website has been for Torricellans in Torricella and beyond.  Many of us never had the opportunity to know you personally, but we are all aware of your great kindness for others.  THANK YOU “AL”.

Antonio Di Fabrizio

President - Proloco di Torricella Peligna

Dalla Proloco di Torricella Peligna:

Tutta la Proloco di Torricella porge le più sentite condoglianze alla famiglia di AL PORRECA, ringraziando Al per il grande lavoro sul web in onore del paese natio. Assicuriamo che terremo sempre alto il valore che questo sito rappresenta per tutti i torricellani (residenti e non). Molti di noi non ti hanno conosciuto di persona ma hanno saputo apprezzare il tuo grande cuore per il prossimo. GRAZIE "AL".

Antonio Di Fabrizio

Presidente - Proloco di  Torricella Peligna
From Maria Teti:

We are all saddened by the loss of dear Albert.  We had always hoped he would come out of it.  None of us had expected something so terrible to happen. Nothing can replace the emptiness we feel inside.  When we met last year, I felt as if I was with my grandfather.  In fact, Albert looked so much like him.  My grandfather, Antonio Teti, and his grandmother, Camilla Teti, were brother and sister.  

Maria Teti in Switzerland

Da Maria Teti:

Siamo tutti tristi per la scomparsa del nostro caro Albert.  Fino all'ultimo abbiamo sperato nella sua guarigione.  Non ci aspettavamo una cosa cosi brutta.  Ci ha lasciato un vuoto che non si può colmare con nessuna cosa.  Quando lo scorso anno lo abbiamo conosciuto, per me è stato come aver ritrovato mio nonno.  Infatti, lui gli somigliava molto.  Mio nonno, Antonio Teti, e sua nonna, Camilla Teti, erano sorella e fratello.

Un abbraccio con affetto
Maria Teti dalla Svizzera

From Mayor Tiziano Teti:

I have always said that Torricellans the world over are part of Torricella.  Today a Torricellan has left us – a Torricellan who embarked on the rediscovery of his roots with so much love and passion.  I remember how emotional he got during last year’s award ceremony; that’s the memory of him I want to keep.  Thank you Al for what you have done for Torricella and for Torricellans the world over.  We will always be grateful.  The town administration touchingly shares this moment of grief with the family and all others at the loss of dear Al.

Mayor Tiziano Teti

Dal Sindaco Tiziano Teti:

Ho sempre detto che i torricellani nel mondo, sono un pezzo di Torricella.  Oggi un torricellano ci ha lasciato, un torricellano che ha voluto riscoprire le sue origini con tanto amore e passione.  Mi ritorna in mente la sua commozione durante la premiazione l'anno scorso e così voglio ricordarlo.  Grazie Al per quello che hai fatto per Torricella e per i torricellani nel mondo.  Te ne saremo sempre grati.   L'Amministrazione Comunale partecipa commossa al dolore della famiglia e di tutti noi, per la perdita del caro Al.

Il Sindaco Tiziano Teti



left to right / da sinistra a destra:

Vice Mayor/Sindaco Piero Ottobrini, Mayor/Sindaco Tiziano Teti, Councilmember in charge of cultural affairs/l’assessore alla cultura Carmine Ficca,  Albert Porreca, e Antonio Piccoli.

 Torricella nel mondo 2007- Award Ceremony / Consegna del Premio


Al gives thanks / Al ringrazia